giovedì 22 agosto 2019

Recensione: Perfect World 2




Perfect World 2
di  Rie Aruga

Editore: Star Comics
Prezzo Cartaceo: € 4,90 per volumetto
Pagine: 176
Serie: Serie da 4 volumetti, in corso

Tsugumi Kawana ha ventisei anni e lavora in un’azienda che si occupa di interior design. Durante una serata insieme allo staff di uno studio di architettura con cui collabora, incontra Itsuki Ayukawa, un suo ex compagno delle superiori, nonché suo primo amore. Nel rivederlo il cuore le batte all’impazzata, ma scopre anche che ora Itsuki non può più camminare. In un primo momento Tsugumi pensa che sarebbe impossibile avere una relazione con lui, ma poi…

Tsugumi e Itsuki hanno cominciato a uscire insieme, e con l’approfondirsi del rapporto lo scontro con la dura realtà diventa inevitabile. Inoltre, la comparsa di Nagasawa, assistente di Itsuki che prova qualcosa per lui, e di Koreeda, ex compagno di scuola di Tsugumi invaghito di lei, ha iniziato a incrinare il rapporto tra i due giovani, provocando qualcosa d’inaspettato... 


Ho letto questo volumetto in viaggio verso l'Irlanda del Sud, una zona chiamata West Cork. Ero proprio curiosa di leggere il secondo numero di questa nuova serie. L'inizio mi aveva molto colpito e potete trovare la recensione qui. Ritroviamo i nostri protagonisti Tsugumi e Itsuki all'inizio della loro storia d'amore, nata dopo tanto tempo e che ai tempi della scuola nessuno dei due si sarebbe immaginato...o quasi, Tsugumi ha sempre avuto un debole per lui. In questo numero entra in scena un nuovo personaggio che sicuramente aggiunge attrito in una storia giovane e che già si ritrova quotidianamente ad affrontare le difficoltà della condizione di Itsuki. Quell'incidente, il non poter più camminare, sono dolori che per lui sono ancora difficili da dimenticare, anche se per fortuna Tsugumi porta una ventata di positività e felicità speciale. Tsugumi sicuramente risulta il personaggio più semplice da comprendere, il ragazzo che ha sempre sognato ora è accanto a lei, ma non è facile affrontare la sua disabilità. Lei è determinata, mi piace che non si arrende, anche se a volte si dimostra più infantile di quanto sembri, soprattutto quando rimugina troppo sulle cose. Ho apprezzato che in questo manga conosciamo la sua famiglia e mi ha sorpreso scoprire dei genitori diversi da come me li sarei aspettati. Le ostilità che oppongono sono sicuramente valide e dettate dall'amore ma forse me li sarei aspettati più comprensivi. Questa storia ci lascia il sapore dolce dell'amore romantico, ma anche un'impronta sulla pelle per i sentimenti che vengono risvegliati. Sono forti, difficili da comprendere a fondo ma resi leggeri dai disegni e dai colori pastello della copertina. Quello dei due protagonisti è un amore speciale, non è perfetto e richiede più impegno del solito, le difficoltà non mancano e a volte l'equilibrio sembra sempre per spezzarsi, ma la speranza che non si spezzi ci porta a voler continuare la lettura. Secondo numero consigliato.


Durata totale della lettura: Due giorni
Bevanda consigliata:  Estathè
Formato consigliato: Cartaceo
Età di lettura consigliata: dai 15 anni







      "Come posso liberarlo dalla sofferenza che percepisco attraverso il calore del suo corpo?"



Si ringrazia la casa editrice per la copia omaggio

mercoledì 21 agosto 2019

Recensione: Nestor Burma e la bambola




Nestor Burma e la bambola
di Léo Malet
Editore: Fazi Editore
Prezzo edizione cartacea:
 € 15
Prezzo ebook: € 10,99
Pagine: 176
Titolo originale: “Nestor Burma court la poupée”



Tempi duri per Nestor Burma: le casse dell’Agenzia Fiat Lux sono drammaticamente vuote e la pioggia primaverile rende Parigi sempre più cupa. Così, fiutata la possibilità di un mistero, il detective privato si reca di nascosto presso un’isolata villa di Boulogne, dove sarà l’involontario e sbigottito testimone di una strage, messa in atto da un losco individuo dal volto deturpato. La vittima, tale Mauffat, sembra essere a sua volta un personaggio poco raccomandabile: un ex medico radiato dall’ordine, che custodiva nella propria cassaforte mazzette di banconote e bottiglie di benzina… A complicare le cose si aggiunge il fatto che Mauffat venga anche considerato il responsabile della morte della giovanissima Yolande Bonamy, deceduta in seguito a un aborto mal praticato: ad accusare l’ex medico sono i nonni della ragazza, che, in mancanza di prove concrete, affideranno al protagonista il compito di incastrare l’assassino rimasto impunito. Ma come fare, ora che l’assassino stesso è stato a sua volta brutalmente assassinato? Ancora una volta toccherà a Nestor Burma risolvere l’intrigo, muovendosi tra sicari prezzolati, locali a luci rosse, chanteuses decadute e “bambole”, reali o sognate… E sarà proprio una “bambola” la chiave per decifrare il mistero.

Nestor Burma torna in libreria, pronto a riconquistare i lettori con l’irriverenza e l’umanità che lo contraddistinguono, espresse al loro meglio in questa nuova avventura, finora inedita in Italia.

«Se non ci fossero i soliti, pigri confronti con cui vedersela – un giallista migliore di Simenon, l’adattamento francese di Chandler – gusteremmo in pieno ogni pubblicazione di Léo Malet come l’irrompere dell’anticonformismo, schietto e irritante, su una scena dominata dai canoni della correttezza. A maggior ragione nel caso di un inedito». 
Roberto Iasoni, «Corriere della sera»


Questo non è un libro qualsiasi, bensì uno dei circa trenta romanzi noir dedicati alle avventure di Nestor Burma, un investigatore privato che si muove nelle strade di Parigi.
Molto sopra le righe, quasi sempre a corto di soldi, ci racconta attraverso i suoi occhi la Parigi degli anni '40/'50. I libri a lui dedicati sono stati  oggetto anche di edizioni a fumetti, con una grafica molto bella e di trasposizioni cinematografiche a opera di Jacques Tardi, oltre ad una serie televisiva negli anni '90 di ben 85 episodi.
Nestor Burma e la bambola è ambientato negli anni '50 e, come sempre nei romanzi di Malet, ci porta nel labirinto della città di Parigi, dove ritroviamo quartieri non propriamente eleganti. È facile immaginare gli ambienti che descrive, dai marciapiedi ai bistrot, ai vicoli più malfamati dove si aggirano assassini, politici, imprenditori, tutti con scheletri negli armadi che vogliono tenere ben nascosti.
Burma è un investigatore irriverente, che si muove in questo mondo del crimine senza seguire gli schemi classici cui siamo abituati ma ha un gran cuore. Anche se i suoi obiettivi sono gli stessi della gendarmerie ha un rapporto conflittuale con i rappresentanti della legge.
Il libro inizia con Burma che si reca di nascosto in una villa isolata dove incontra Mauffat, ex medico, e si trova alle prese con una strage non annunciata. E la vittima è proprio Mauffat. Che fare? Burma si mette subito all'opera per cercare di trovare l'assassino, infiltrandosi in locali poco raccomandabili e con il suo fiuto infallibile riuscirà a trovare il bandolo di una matassa oltremodo intricata.
A questo romanzo non manca niente: suspense, tensione, paura, rabbia, mistero, personaggi loschi, ambientazione noir. Il coinvolgimento è immediato e, pagina dopo pagina, il lettore viene catturato e coinvolto al punto da sentirsi partecipe delle indagini di Burma con un ritmo travolgente.
Non è molto lungo e si legge facilmente, seduti sul proprio divano o, visto il periodo vacanziero, sdraiati all'ombra di un parasol o sotto le fresche frasche di un albero, sorseggiando qualcosa di fresco.
Da mettere in valigia per chi è in partenza per le vacanze o da tenere sempre a portata di mano per i momenti di relax.


Durata totale della lettura: 2 giorni
Bevanda consigliata: te freddo
Formato consigliato: ebook
Età di lettura consigliata: dai 16 anni






   “ Di quale bambola si trattava, quindi? Una vera bambola o .....?"


             

Si ringrazia la casa editrice per la copia omaggio.

martedì 20 agosto 2019

Recensione: Apnea

Apnea
di Ilaria Petruccini


Editore: Bookabook
Prezzo Cartaceo: € 18
Pagine: 200



Greta è una giovane designer appena trasferitasi a Milano per lavoro. Nella nuova azienda conosce Sofia e Alessio, con i quali instaura presto una bella amicizia, e l’affascinante quanto scontroso Lorenzo. Lei è forte e determinata, ma questo ragazzo con gli occhi glaciali e la sua stessa passione per la musica la fa sentire stranamente confusa e vulnerabile.
Quando infine permette a se stessa di togliere l’armatura e di assaporare per la prima volta l’amore, strani eventi iniziano a turbare la sua quotidianità fino a stravolgerla. Proprio nel momento di massima felicità, Greta dovrà affrontare una realtà ben diversa da quella che si aspettava. Una realtà in cui è in gioco la sua vita.



Greta, una ragazza dall'infanzia difficile, si trasferisce a Milano per iniziare un nuovo lavoro dove non conosce nessuno. Per fortuna fa amicizia con la stupenda Sofia, una collega che le fa conoscere anche Alessio e Lorenzo, altri due suoi colleghi. I quattro iniziano una bella amicizia, fatta di uscite e concerti anche se c'è una fortissima tensione tra lei e il gelido Lorenzo, lui è freddo e lei aggressiva. Una combinazione che può solo portare a un'esplosione.
Il problema di Greta però non sembra essere questo, qualcuno infatti inizia a stalkerarla e mentre inizialmente sono gesti innocenti come il caffè davanti alla porta dell'ufficio , la situazione degenera e diventa pericolosa. Greta non si può più sentire al sicuro né a casa né a lavoro. Chi la sta perseguitando? Ormai inizia a dubitare di tutti.
La scelta del titolo penso sia perfetta per la sensazione della nostra protagonista, Greta si sente infatti senza aria, senza via d'uscita, davvero in apnea nella propria vita. 
Il libro però devo essere sincera non mi ha colpita. I sentimenti mi sono sembrati un po' gonfiati e un po' troppo veloci, sia l'amicizia, sia l'amore. Mi è dispiaciuto anche non sapere nulla del colpevole. Da una parte ho pensato fosse una scelta stilistica dato che effettivamente quando qualcuno ti stalkera non ne sai nulla e spunta dal nulla. Allo stesso tempo però mi è sembrato come se "mancasse un pezzo". 
La scrittura è sicuramente facile da seguire e leggera, l'ho trovata però eccessivamente ridondante e a volte vuota, una miriade di conversazioni erano solo "ti amo", "ti amo", "buonanotte amore", "buongiorno amore".
Insomma per riassumere, la trama è interessante e come esordio non c'è male, sono sicura che nei prossimi lavori l'attenzione ai dettagli si raffinerà e anche i dialoghi si evolveranno. 


Durata totale della lettura: 5 giorni
Bevanda consigliata: Earl Grey
Formato consigliato: Ebook
Età di lettura consigliata: dai 16 anni 





      "«Lei è una guerriera!Sai ce l'aveva fatta. Stava per andare alla polizia."


Si ringrazia la casa editrice per la copia omaggio

lunedì 19 agosto 2019

Recensione: Queen's Quality 3 + 4




Queen's Quality 3 + 4
di Kyosuke Motomi

Editore: Star Comics
Prezzo Cartaceo: € 4,50 per volumetto
Pagine: 192
Serie: Serie da 5 volumetti, in corso

I membri della famiglia Horikita fanno un mestiere strano: sono “ripulitori” dell’animo, si occupano cioè di mondare dalle impurità il cuore delle persone. Fumi inizia ad aiutarli e si trasferisce a casa loro, dove viene apprezzata per le sue capacità. A un certo punto, però, in lei comincia a risvegliarsi una forza misteriosa che la rende una “Regina Nera”, un essere in grado di esercitare un enorme potere sulla gente!

Ataru, l’insect master, ha fatto una proposta a Kyutaro in cambio di rivelazioni scottanti sul passato di Fumi. Pur consapevole del fatto che si tratta di una trappola, Kyutaro si reca all’incontro... Inoltre, il ragazzo si trova sottoposto a continue prove che rischiano di mettere a repentaglio il suo rapporto con Fumi. Riuscirà a superarle?!


Quando ho iniziato questo manga ero in trepidazione per l'uscita di una nuova serie, mi aveva conquistato e incuriosito inaspettatamente. Con il terzo ed il quarto numero devo ammettere che la mia scintilla si è un pochino affievolita. La storia di base tiene ancora alto il mio interesse, Fumi continua ad affrontare prove sempre più difficili e il suo legame con Kyutaro viene messo in continua discussione e lascia i suoi pesanti segni. Avrei voluto leggere qualche pagina in più sui due protagonisti, il mistero che si cela nel loro passato ancora annebbiato ha fatto breccia nel mio lato romantico. In questi due numeri conosciamo meglio la storia delle fazioni dei ripulitori, molti ricordi, nuovi personaggi ancora da inquadrare bene e una certa lentezza nell'andatura della lettura. Non sono riuscita a fare molta chiarezza tra ciò che è bene e ciò che è male. Fumi e Kyutaro rimangono i beniamini ma la presenza della regina Nera e Bianca in Fumi mi ha creato un po' di confusione, ho avvertito che ci saranno bisogno di almeno un altro paio di volumetti per iniziare a ricollegare i pezzi nel modo giusto. Di solito in molti manga i numeri centrali sono spesso i più lenti, ci vogliono tenere sulle spine per continuare a scoprire come andrà a finire. Non sono rimasta pienamente soddisfatta dei questi due volumi ma di sicuro sono pronta e spronata a continuare, se inizio un puzzle ho voglia di andare a fondo, voglio scoprire tutto e dissipare ogni dubbio accumulato durante la lettura.


Durata totale della lettura: Due giorni
Bevanda consigliata:  Tè al mandarino
Formato consigliato: Cartaceo
Età di lettura consigliata: dai 15 anni







      "Un'emozionata saga fantasy che si immerge nell'oscurità dell'animo umano!"



Si ringrazia la casa editrice per la copia omaggio

venerdì 16 agosto 2019

Recensione: Mediterranea vegetariana






Mediterranea vegetariana
di Alberto Musacchio e Malu Simoes

Editore: Eifis Editore
Prezzo Cartaceo: € 28,50
Pagine: 303

Vincitore del premio "Best Hotel Award" rilasciato dalla British Vegetarian Society, il Country House Montali è stato proclamato come una delle dieci migliori destinazioni al mondo. In Italia è diventato il primo hotel/ristorante gourmet vegetariano e una meta di vacanze. Il cibo al Country House Montali è fantastico, sfata i miti e i pregiudizi che si creano attorno alla cucina vegetariana e dimostra invece che si possono raggiungere alti livelli di eccellenza tecnica! Questo volume rappresenta la raccolta delle loro ricette migliori, sviluppate in 25 anni di lavoro professionale. Il sogno di Malu e Alberto è sempre stato quello di dare alla cucina vegetariana un'interpretazione più raffinata, nonostante le difficoltà e i costi in termini di tempo e denaro che sono stati necessari per raggiungerlo. Il libro raccoglie anche molte storie divertenti su come sia la vita di un albergatore. Presentazione di Grace Choi.



Era da un po' che non mi imbattevo in un buon libro di cucina e questo mi è capitato al momento giusto. Mi ha fatto piacere scoprire un posto nuovo italiano nel cuore della campagna umbra, il Country House Montali. Un luogo dove nella cucina ogni chef si adopera con dedizione alla creazione di gustosi piatti Gourmet interamente vegetariani. Una cucina ricercata ma davvero variegata con spunti interessanti da poter replicare nella vita quotidiana. In questo periodo dell'anno mi fa piacere cucinare maggiormente con le verdure quindi ogni suggerimento per variare è sempre il benvenuto. Sfogliando il ricettario ci si sente fin da subito in una cucina che profuma di tradizione, a sbirciare ogni pietanza che viene preparata con cura. Osserviamo ed impariamo a preparare piatti sempre diversi ma fedeli allo stile mediterraneo, alcune pietanze conosciute le ho ritrovate in una chiave nuova, rivisitata e con l'aggiunta delle foto è impossibile non avere l'acquolina in bocca. Il libro è diviso in quattro sezioni, Antipasti, Primi, Secondi e Dolci e ogni ricetta è descritta in maniera semplice ma precisa, l'autore ci regala i suoi pensieri, consigliandoci anche il perfetto accostamento di vino. Non aspettatevi solo un libro farcito di ricette gustose, riempiendoci gli occhi con le immagini leggiamo anche la storia del fondatore della tenuta Montali. Stralci della sua vita ci arrivano tra una sezione e l'altra e ogni tassello ci porta nel cuore della tenuta e dei suoi proprietari, scopriamo la meticolosità messa in ogni regola del business senza dimenticare il loro cuore e le radici tutte italiane. Un ricettario ben strutturato, dimostrazione di una cucina locale ma moderna creata con fatica e determinazione, ma soprattutto con un cuore gonfio di passione, si sa, solo con quello i sogni più belli e le soddisfazioni prendono forma.


Durata totale della lettura: Da consultazione
Bevanda consigliata: Un bicchiere di vino Sagrantino di Montefalco
Formato consigliato: Cartaceo
Età di lettura consigliata: dai 19 anni
Sito dell'autore: Alberto Musacchio




      "Vincitori del "Best Hotel Award" della British Vegetarian Society, il Country House Montali è stato votato come "una delle dieci destinazioni vegetariane migliori al mondo""

giovedì 15 agosto 2019

Recensione: Le avventure di Joele – La Rotta dei Cento Giorni

Le avventure di Joele – La Rotta dei Cento Giorni
di Gianfranco Dabbicco



Editore: Bookabook
Prezzo Caertaceo: € 11,00
Prezzo Ebook: € 5,99
Pagine:  138
Genere:  Avventura, Pirati, Letteratura per Ragazzi

Joele è un ragazzo di dodici anni, orfano di padre, che vive con la madre a Novadera, un’isola-stato pirata dove uomini di culture ed etnie differenti vivono sotto la stessa bandiera. Il suo sogno è seguire le orme del padre, il grande capitano Frederick il Rosso, e divenire egli stesso un pirata: per Joele il richiamo del mare è forte, e la partecipazione insieme all’amico Nick alla rotta dei Cento Giorni, sulla nave scuola Ardita, segnerà la sua iniziazione alla navigazione. Al ritorno i ragazzi non saranno più gli stessi…





Se anche voi avete amato l’Isola del tesoro di Stevenson, gli arrembaggi e avete divorato tutti i film del Capitan Jack Sparrow, allora questo libro per ragazzi fa al caso vostro!!!
Ecco una bella storia ambientata nel ‘600 su un’isola dei Caraibi abitata da pirati provenienti da varie parti del mondo, ciascuno con le sue tradizioni e i suoi costumi, ma uniti e concordi nella gestione della patria.
I protagonisti, due ragazzi di 12 anni, vivono una serie incredibile di avventure, affrontando situazioni pericolose, allenandosi con coraggio e apprendendo le dure leggi della pirateria di Novadera (giustizia, abnegazione, obbedienza, costanza).
Sia durante le selezioni per poter partecipare al corso di iniziazione alla navigazione, sia durante la navigazione vera e propria sulla Nave-Scuola Ardita, crescono forti e sicuri grazie anche alla loro solida amicizia.
La vita sull’isola è descritta con meticolosità, rendendo la scena molto colorata, ricca di suoni e di particolari curiosi. La vita marinara è resa vivace con molti momenti di tensione e di suspence.
Il ritorno della Nave-Scuola all’isola e i festeggiamenti che ne seguono, suscitano la nostalgia per un mondo “piratesco” cosi armonioso, tollerante e umano… che di questi tempi ce n’è tanto bisogno!
Un libro che ha tutti gli elementi per appassionare i giovani lettori (e quelli meno giovani!) se anche voi, come me, siete amanti del mondo dei pirati!


Tempo di lettura: Due giorni
Bevanda consigliata: Succo al Melograno
Formato consigliato: Cartaceo
Età di lettura consigliata: dai 12 anni
Sito dell'illustratrice: Gianfranco Dabbicco

 




" Finalmente Joele arrivò davanti alla banchina e lo vide. Era lui, con il suo cappello rosso sangue, i capelli lunghi raccolti in un codino, la barba nera e un orecchino pendente. La sua giacca era blu con bottoni d’oro e al collo portava un medaglione a forma di drago con un occhio di rubino. Era lui, con la sua famosa scimitarra d’oro intarsiata di diamanti, bottino di battaglia nei mari d’Oriente. Era finalmente tornato il capitano Jeremy Fox, per tutti J. Fox, la Volpe dei Caraibi." 





Si ringrazia la casa editrice per la copia omaggio.

mercoledì 14 agosto 2019

Recensione: Ferryman



Ferryman
di Claire McFall

Editore: Fazi Editore
Prezzo Cartaceo: € 16,00
Pagine: 300


Dylan ha quindici anni e quando una mattina decide di andare a trovare il padre, che non vede da molto tempo, la sua vita subisce un drastico cambiamento: il treno su cui viaggia ha un terribile incidente. Dylan sembrerebbe essere l’unica sopravvissuta tra i passeggeri e, una volta uscita, si ritrova in aperta campagna, in mezzo alle colline scozzesi. Intorno non c’è anima viva, a parte un ragazzo seduto sull’erba. L’adolescente si chiama Tristan e, con il suo fare impassibile e risoluto, convince Dylan a seguirlo lungo un cammino difficile, tra strade impervie e misteriose figure che girano loro intorno, come fossero pronte ad attaccarli da un momento all’altro. È proprio dopo essersi messi in salvo da questi strani esseri che Tristan le rivela la verità… lui è un traghettatore di anime che accompagna i defunti fino alla loro destinazione attraverso la pericolosa terra perduta.
A ogni anima spetta il suo paradiso, ma qual è quello di Dylan? L’iniziale ritrosia di Dylan e l’indifferenza di Tristan si trasformano a poco a poco in fiducia e in un’attrazione magnetica tra i due ragazzi che non sembrano più volersi dividere. Arrivati al termine del loro viaggio insieme, Dylan proverà a sovvertire le regole del suo destino e del mondo di Tristan, pur di non perderlo.
Ferryman. Amore eterno, primo volume di una commovente, epica e originale trilogia fantasy, è una moderna riscrittura del mito di Caronte: una storia d’amore che supera il limite della morte attraversando i confini dell’aldilà.


"Ferryman" è arrivato in un momento nel quale ero a corto di storie d'amore e complice questa mancanza devo ammettere che è stata una lettura molto piacevole e ho amato in particolare il modo in cui l'autrice ci presenta la storia. Iniziamo col conoscere la protagonista Dylan, una ragazzina determinata, di poco successo a scuola, che si rimette in contatto con il padre andato via tanto tempo fa. Ci affezioniamo subito a Dylan, nonostante sia schiva ed introversa ci fa conoscere il suo lato coraggioso che vedremo pulsare ancora più forte in futuro. Dylan rimane vittima di un incidente in treno e all'improvviso si risveglia stordita e ancora inconsapevole di quello che le è capitato. L'unica persona che vede è Tristan, cammina con lui sperando di mettersi in salvo ma piano piano si rende conto che il suo cammino non porta nella direzione desiderata. Lei è morta e si trova in un limbo da attraversare pieno di ombre malvagie che mirano alla sua anima. Tristan è il suo traghettatore, colui che la scorterà in questo impervio sentiero e che sembra entrare nel suo cuore da defunta, il loro legame si capisce in fretta che è uno di quelli unici al mondo. Non sono una fan dell'instalove però se proviamo a metterci nei panni di lei, chi non avrebbe avuto un debole per questo ragazzo con gli occhi di ghiaccio che è disposto a qualunque cosa per difenderti anche se sei praticamente già morta??
La storia d'amore mi è piaciuta, ho apprezzato il richiamo alla Divina Commedia, e l'aver sfruttato il mondo di mezzo per un amore giovane anche fin troppo acerbo. Descrizioni un pochino troppo ridondanti, il mondo che fa da sfondo alla storia ci viene svelato nei minimi dettagli e l'ho trovato un pochino statico, la scena non cambia notevolmente. Tre diamantini e mezzo per un fantasy dall'idea originale che richiama versi antichi e un amore che seppur giovane si mantiene sempre ardente e dona la forza necessaria a superare ogni ostacolo.


Durata totale della lettura: Cinque giorni
Bevanda consigliata:  Tè al limone freddo
Formato consigliato: Cartaceo
Età di lettura consigliata: dai 17 anni






      "Amore eterno"




Si ringrazia la casa editrice per la copia omaggio

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...