martedì 7 febbraio 2023

Review Party: Le guerriere che sfidarono l’oscurità

Oggi Review Party dedicato al secondo libro "Le guerriere che sfidarono l’oscurità" della serie di Namina Forna edizione Mondadori.
Torniamo nel mondo delle guerrirere Alaki che nel primo capitolo hanno solo iniziato a rivendicare la loro presenza in un regno che le ha sfruttate e oppresse da troppo tempo.

 Le guerriere che sfidarono l’oscurità

 di Namina Forna

 Editore: Mondadori
Prezzo: € 20,90
 Pagine: 336
Titolo originale: The merciless ones

 Le dee sono vasti corpi eterei fatti di energia e luce di stelle, ognuno così grande da poter contenere un intero universo, eppure così piccolo da stare sul suo trono dorato. Sono illimitate, contraddittorie. E sono le mie madri. Sono passati ormai sei mesi da quando Deka ha liberato da un sonno secolare le antiche divinità di Otera, scoprendo al contempo la verità su di sé e il proprio scopo nel mondo. Ora nel regno imperversa la guerra, ma la battaglia è soltanto all’inizio. Esiste infatti una forza oscura, sinistra e senza pietà, che minaccia l’umanità intera e Deka e le sue sorelle di sangue devono fermarla a tutti i costi. Ma, a mano a mano che sviluppa nuove abilità, la ragazza è costretta a fare i conti con una verità scomoda: lei potrebbe essere al contempo la chiave per la salvezza di Otera ma anche la sua più grande minaccia. E questo non è l’unico segreto che le dee le hanno tenuto nascosto. Con Le guerriere che sfidarono l’oscurità, la serie fantasy di Namina Forna che racconta il difficile ed emozionante percorso verso l’emancipazione di una giovane donna e la sua lotta per la giustizia si arricchisce di un nuovo appassionante capitolo.




Con gioia sono contenta di poter proseguire la storia di Deka e dell'esercito delle Alaki, figlie delle dee dimenticate di Otera dal sangue color oro, che sono state perseguitate e cancellate dal regno.
Le dee sono state finalmente risvegliate da un lungo sonno e Deka con il suo gruppo e l'aiuto delle antiche divinità è pronta a scendere in campo e rivendicare anni di sopprusi e liberare il regno dalle ingiustizie che ancora vengono inflitte alle donne in nome del falso dio Oyomo. 
Deka è molto cambiata, ha maggiore consapevolezza del suo compito e del suo ruolo essendo una guerriera di pura discendenza divina, anche se non riesce del tutto a liberarsi del ricordo delle sofferenze subite in passato. In questo capitolo deve far fronte a nuove battaglie e difficoltà, alla ricerca di artefatti misteriosi si fronteggia con una magia completamente nuova e inesplorata. Il suo percorso interiore non è finito e nonostante abbia trovato la sua identità inizia a scoprire segreti e maggiori informazioni che donano chiarezza alla storia del passato, ai miti e leggende che fanno parte delle sue origini e influenzano le scelte di coloro che sta combattendo ma anche di quelle che hanno il suo stesso sangue. Come ho trovato anche nel libro precedente, l'autrice fin da subito inizia a disseminare il seme del dubbio e per il lettore, come per Deka, la vera natura delle cose non è sempre come sembra lasciando spazio a sorprese e colpi di scena mai immaginati, che ho ritrovato durante tutta la lettura.
Deka ha accanto le sue amiche di sempre e ritrova Keitha, con il quale, ammetto che forse avrei voluto vedere qualcosina in più, il loro legame rimane sicuramente dolce e protettivo ma non penso si spinga mai oltre. D'altronde è chiaro dove la Forna vuole concentrare l'attenzione e le donne rimangano al centro di questo libro e della serie in generale, portavoci, ancora una volta, di tematiche importanti legate all'emancipazione femminile, al razzismo e alle discriminazioni. La ricerca della libertà e mai come in questo caso, della verità, diventa il vero scopo e la spinta che porta ad andare avanti. 
Sono davvero curiosa del terzo e, credo ultimo, volume di una storia forte e femminile che con le sue atmosfere di ispirazione africana mi sta appassionando e abituando ad un mondo che vorrei ritrovare più spesso tra le mie letture. 

Durata totale della lettura: Cinque giorni
Bevanda consigliata: Caffè e latte
Formato consigliato: Cartaceo
Età di lettura consigliata: Dai 14 anni
Sito dell'autrice: Namina Forna


Serie "Le guerriere dal sangue d'oro"
  1. Le guerriere dal sangue d'oro
  2. Le guerriere che sfidarono l’oscurità
  3. Inedito


Per conoscere meglio questo libro vi consiglio di visitare tutti i blog partecipanti allo speciale. 
Buona lettura.

    Si ringrazia la casa editrice per la copia omaggio

lunedì 6 febbraio 2023

Challenge 2023: Il pericolo senza nome

Anche per questo anno abbiamo deciso di riproporre la Challenge 2023 "Recensioni a confronto" siete pronti?!

Trovate nel calendario i titoli e gli appuntamenti per le prossime letture e quelle già fatte
L'idea per questa sfida è nata con la mia cara amica Sonia del blog Il Salotto del Gatto Libraio. Abbiamo deciso di leggere un libro al mese per un anno, sei libri consigliati da me e sei libri consigliati da lei, per scoprire insieme storie che abbiamo da sempre in wishlist ma che non siamo ancora riuscite a leggere.

Questo mese abbiamo letto un libro della mia amata Agatha Christie. Un nuovo caso per il brillante Poirot che mi ha proprio sorpreso.



 Il pericolo senza nome
 di Agatha Christie

 Editore: Mondadori
 Prezzo Cartaceo: € 12,00
 Pagine: 240
Titolo originale: Peril at End House

Hercule Poirot ha deciso di concedersi un periodo di riposo in Cornovaglia, quando proprio davanti ai suoi occhi uno sconosciuto attenta alla vita di una bella ragazza. L’investigatore belga è subito pronto a riprendere l’attività: il primo problema da risolvere consiste nel convincere Nicky, vittima di una serie di incidenti quanto meno improbabili, che nonostante l’assenza apparente di motivi qualcuno la vuole veramente uccidere; il secondo sarà risolvere il mistero di un omicidio non commesso. Non ancora, almeno.





Recensione a cura di Sabrina (Kait):


Come adoro tornare nelle pagine di Agatha Christie soprattutto quando la storia è una dell'investigatore belga Poirot che ormai porto nel cuore.
Questa volta il famoso Poirot si sta godendo il ben meritato riposo in Cornovaglia con l'amico Hastings quando un nuovo caso sembra proprio cascargli tra le braccia. Tutto nasce con l'incontro con la signorica Nick, giovane ragazza, vittima ultimamente di incidenti davvero peculiari che sembrano tutti orchestrati per toglierle la vita. Questo non fa altro che incuriosire il detective che prende a cuore le disgrazie di Nick e inizia a conoscere le persone che le orbitano intorno, famiglia, amici, pretendenti, cercando una ragione o il movente giusto che può aver spinto a pianificare le trappole mortali.
Per Poirot non si rivela un caso facile e io, con lui, non ho capito chi potesse essere il colpevole rimanendo sorpresa della rivelazione finale che, alla classica maniera, avviene riunendo ogni sospettato nello stesso luogo.
Un libro che mi è proprio piaciuto, la Christie dimostra sapienza sia nella scrittura che nella struttura del caso, riesce sempre ad intrappolare il lettore e arrichirlo di interesse per poi servirgli la verità sul piatto d'argento sotto il naso. Questo è uno di quei libri che appena chiuso induce a ricordare tutte le parti passate per elaborare al meglio la soluzione, come dice lo stesso Poirot, viene voglia di far lavorare le "cellule grigie" che riescono a mettere a posto tutti i tasselli del caso.
Che dire, sono sempre più convinta di voler leggere altre storie di questa autrice e scoprire le nuove avventure di Poirot. Consigliatissimo per chi cerca una lettura veloce ma intrigante e che ovviamente ama i misteri da risolvere.


Recensione a cura di Sonia (Il Salotto del gatto libraio):

A quanto pare per il povero Poirot non c'è mai pace, neanche quando si è recato in Cornovaglia con il suo amico Hastings è riuscito a mattere da parte la sua professione. L'investigatore belga infatti si è proposto per risolvere un grandissimo mistero. Una giovane donna di nome Nietta pensa di essere la vittima di strani incidente ma Poirot, si rende invece conto che qualcuno sta attendando alla sua vita. Il motivo? Hastings e Poirot dovranno prima scoprire Chi e poi il motivo per cui qualcuno sta attendando alla vita di Nietta ma quando Maggie, sua cugina, viene uccisa, la situazione precipita. Il bersaglio doveva essere Nietta o sotto c'è altro? 

Il lettore si ritroverà quindi a seguire le indagini di Poirot e come sempre, ogni personaggio interrogato, sembrerà il vero assassino. Agatha Christie infatti nei suoi libri, amava circondarsi di molti personaggi e tutti, per un motivo o per altro, risultano essere fondamentali ai fini della storia. È impressionante la quantità di sospettati che l'autrice ci mette di fronte e attraverso le indagini di Poirot avremo modo di conoscere tante piccole storie... 

Ormai come per Donato Carrisi anche Agatha Christie è diventata una certezza. Al momento ho letto quattro, con questo cinque, suoi libri e ognuno di questi, mi ha tenuta incollata alle sue pagine fino alla fine. 

E che dire, la sua scrittura è assolutamente perfetta. Con ironia, leggerezza ma anche con tanto mistero, Agatha Christie riesce sempre a catturare e coinvolgere il lettore, in una indagine pazzesca. 
I suoi intrecci pazzeschi, i personaggi e le strepitose indagine di Poirot, ci terranno fino alla fine con il fiato in sospeso.


Cosa ne pensate? Vi lascio di seguito la lista dei libri che abbiamo scelto per accompagnarci in questa challenge.

LIBRI SCELTI DA SABRINA




 

LIBRI SCELTI DA SONIA


 



Al limite del possibile, ogni fine mese, io e Sonia vi faremo trovare le nostre recensioni a confronto di una di queste letture. Se volete partecipare anche voi questo è il calendario:
 
Gennaio - Il pericolo senza nome (Sabrina)
Febbraio - Le ragazze non hanno paura (Sonia)
Marzo - Lore olympus. Nuova in città (Sabrina)
Aprile - Shutter Island (Sonia)
Maggio - The hawthorne legacy (Sabrina)
Giugno - Black Beauty (Sonia)
Luglio - Una dote di sangue (Sabrina)
Agosto -  Hollow City. Il ritorno dei ragazzi speciali di Miss Peregrine (Sonia)
Settembre - Tunnel di ossa (Sabrina)
Ottobre - Wonder (Sonia)
Novembre - Come uccidono le brave ragazze (Sabrina)
Dicembre -  Hide (Sonia)


Allora ci fate compagnia?
Buone letture da Sabrina e Sonia


martedì 31 gennaio 2023

Recensione: La fotografa degli spiriti


La fotografa degli spiriti

di Desy Icardi

Editrice: Fazi

Prezzo cartaceo: 
€  16,00

Prezzo Ebook:
 € 9,99
Pagine: 360
Genere: Narrativa moderna

Nella Torino di inizio Novecento, il giovane Edmondo Ferro ha cominciato da poco la sua carriera di avvocato mentre nelle campagne piemontesi, dove regnano incontrastati duro lavoro e povertà, una ragazza è costretta a imbarcarsi per terre lontane: due destini paralleli che si incontreranno sorprendentemente in una storia sulla capacità di assecondare le proprie inclinazioni nella ricerca della vera felicità.
L’avvocato Ferro lavora svogliatamente nel prestigioso studio di famiglia quando in realtà vorrebbe solo dedicarsi alla lettura dei romanzi, sua unica vera passione. Nei salotti dell’alta borghesia cittadina, che è costretto a frequentare, stanno facendo parlare di sé alcune medium trattate come dive e spesso accompagnate da fotografi che si dicono in grado di immortalare gli spiriti dell’aldilà: un’attività molto alla moda ma altrettanto sospetta sulla quale l’avvocato si ritrova suo malgrado a dover fare chiarezza. Nelle campagne circostanti, intanto, sono in molti a decidere di emigrare; è anche il caso di Pia, un’umile ragazza che, con la speranza di aiutare la propria famiglia, viene convinta da un intraprendente fotografo a imbarcarsi per l’Argentina insieme ad altre giovani contadine, nell’illusione di raggiungere un promesso sposo che non ha mai visto e che non vedrà mai. Il viaggio infatti riserverà a tutte ben altre sorprese e, tra pericoli inaspettati e gravi disavventure, Pia avrà l’occasione di scoprire una vocazione che prima non conosceva.
Desy Icardi prosegue la sua serie di libri sui cinque sensi con un romanzo interamente dedicato alla vista e alla capacità, mai scontata, di saper cogliere le occasioni. Al centro del racconto l’arte della fotografia in tutte le sue manifestazioni e una ragazza con una fervente curiosità, che sarà in grado di cambiare per sempre il corso della sua vita. La fotografa degli spiriti è una storia avvincente ed emozionante sull’importanza di trovare la propria strada inseguendo le passioni più vere.

Sui libri dell’autrice hanno scritto:

«L’annusatrice di libri è un romanzo sorprendente, divertente e originale».
Paola Mastrocola

«Bel congegno narrativo il romanzo di Desy Icardi, costruito con abilità, si impernia sul senso del tatto in un modo imprevisto e originale».
Margherita Oggero

«Con sensibilità, delicatezza e un sorprendente uso della parola, Desy Icardi ha creato un romanzo che è un piccolo gioiello sospeso tra realtà e fantasia».
Chiara Moscardelli

«Desy Icardi vive dentro i libri con ironia, attraversa le epoche con leggerezza e ne scrive con maestria».
Costanza Rizzacasa D’Orsogna





Primi anni del Novecento: Monsù Bardella insieme alla sua avvenente moglie spagnola girano per un piccolo paesino piemontese insieme alla loro attrezzatura per le fotografie. Oltre alle consuete foto di matrimoni e battesimi sono alla ricerca di ragazze particolari da far maritare a uomini argentini che lo hanno commissionato. In una giornata come tante altre trovano Amedea, bellissima ragazza e figlia prediletta. A Torino invece c'è l'avvocato Ferro, giovane e sempre con il naso nei libri che cerca di passare inosservato per evitare la solita ramanzina dello zio. Due storie parallele sono quelle che ci fa scoprire Desy Icardi in questo nuovo capitolo della sua saga dedicata ai sensi: la storia di Pia, sorella di Amedea che andrà in sposa al suo posto, e quella del giovane avvocato Ferro. Come sempre con il suo stile narrativo inconfondibile caratterizzato da dolcezza e calma l'autrice ci porta nel passato alla scoperta di un mondo non tangibile, fatto di sguardi e di anime. La bellezza di Pia non è quella fisica, come quella del giovane Ferro ma va al di là di quello che lo sguardo umano può cogliere: la purezza dell'anima. Pia troverà la sua strada quando, dopo il naufragio del piroscafo che la stava portando in Argentina si ritroverà con la macchina fotografica di Bardella. Mentre Ferro capirà che sono i libri e l'anima delle persone quelle che gli interessano davvero e non i facoltosi clienti dello studio. Una storia emozionante, come sempre che riesce a colpire il lettore catturandolo nella trama sino all'ultima battuta. Saper cogliere le occasioni, ecco quello che la Icardi vuole farci scoprire attraverso queste due storie: l'importanza di saperle riconoscere e di seguirle per seguire il proprio destino sino alla fine.

Durata totale della lettura: un giorno
Bevanda consigliata: Tè alla frutta
Formato consigliato: Cartaceo
Età di lettura consigliata: Dai 16 anni


"Pia attraverso la macchina fotografica riesce a cogliere l'anima dei suoi soggetti"


    
                                

                                         Si ringrazia la casa editrice per la copia omaggio.

lunedì 30 gennaio 2023

Recensione: The Unbroken



 The Unbroken

 di C. L. Clark

 Editore: Oscar Vault
 Prezzo: € 24,00
 Pagine: 516
 Titolo originale: The Unbroken (Magic of the Lost)

 
 Rapita da bambina, è stata allevata per uccidere e morire in nome dell’impero ed è fedele solo ai suoi coscritti. Quando però la sua compagnia viene inviata a El-Wast, la città dove è nata, per sedare una rivolta, Touraine si accorge che i legami di sangue sono più forti di quanto immaginasse.




Di solito capisco subito se un libro mi è piaciuto o no, stavolta mi trovo un pochino in difficol
Il mondo fantasy che ci si presenta davanti è polveroso e confusionario. Touraine, una delle nostre protagoniste, torna nel paese da cui è stata portata via da bambina, non ha praticamente nessun ricordo ma stavolta rientra come tenente dei Figli di Sabbia, una soldatessa spietata e preparatissima nel suo campo. Ritorna nel Paese che è stato conquitato e in cui ci sono forze contrastanti che creano una instabilità sociale costante. 
Qazal, Balladairani, ribelli un bel po' di lotte interne, la persona che deve risolverle è Luca, la figlia dell'arciduca, che non sembra avere alcuna esperienza  nel comandare un paese o un esercito. Tantomeno mille eserciti diversi e lotte socialli costanti. 
All'inizio del romanzo Touraine per puro casso salva proprio Luca da un tentativo di omicio e questa ne approfitta per sceglierla come aiutante/spia. Le due non potrebbero essere più diverse! Sporca, militare, diretta una, elegante, altolocata e acculturata l'altra. Nasce subito un odio/amore tra le due, una chimica importante che secondo me si sarebbe potuta sviluppare più a fondo, insomma avrei voluto vedere di più.
Luca viene accompagnata nella gestione del paese dalla generale Cantic e Beau Sang, non si capisce mai se sono onesti o sono due di cui avere paura, le strategie politiche sono un continuo nel romanzo, Luca per prima non sa di chi fidarsi e purtroppo ogni volta si fida di una fazione diversa. 
Il romanzo si incentra sulle reazioni di un paese che viene colonizzato, delle violenze che subisce e del conseguente razzismo, il nobile che chiama animali il popolino inferiore. 
La protagonista vive una costante lotta interna tra la  fedeltà al governo che le è stato inculcato sin da bambina e il legame che la unisce alla sua terra natale, alla famiglia e ai legami ritrovati.
Alta rappresentazione LGBTQIA+, alcune relazioni sono descritte benissimo e con una dolcezza che mi è rimasta impressa. 
La strutturra e l'idea del romanzo fantasy/militare/politico/magico con accenni al razzismo, alla disabilità mi sono piaciuti ma forse a metà c'è un po' troppa confusione, sembra che ci sia una ribellione immensa ma in realtà a parte un paio di poster succede poco quindi alle volte sembra manchi qualche pezzo, oppure che il continuo cambio di idee e fazioni diventi ripetitivo.

Il personaggio di Touraine mi piace e vorrei leggerne di più anche se alle volte fa proprio innervosire, Luca invece mi sembra una ragazzina tenera e ottimista buttata in un inferno di cattiveria e incomprensioni incapace di capire di chi fidarsi. Penso che la scrittrice volesse che Luca ci piacesse poco e devo dire che ci ha preso in pieno!

Questo è solo il primo libro ed è il primo romanzo di questa scrittrice e penso meriti tutti i 4 diamanti dato che nonostante la dimensione, la scrittura è scorrevole e si legge facilmente.
Aspettiamo il secondo per valutare come si svolge la storia e i rapporti tra i personaggi rimasti!

Durata totale della lettura: Dodici giorni
Bevanda consigliata: Cappuccino 
Formato consigliato: Cartaceo
Età di lettura consigliata: dai 15 anni
Website dell'autrice: C.L.Clark


"Lei stessa cominciava a pensare che era impossibile provenire 
da un paese e imparare a vivere in un altro sentendosi completi."

Si ringrazia la casa editrice per la copia omaggio




mercoledì 25 gennaio 2023

Recensione: Come uccidere la tua famiglia



Come Uccidere la Tua Famiglia 
di Bella Mackie

Prezzo: € 19,00
Pagine: 432
Titolo originale: How To Kill Your Family
 
  Mi chiamo Grace Bernard e, con ogni probabilità, il mio nome non vi dice proprio niente. Nessuno mi conosce perché languisco dietro le sbarre per l’unico crimine che non ho commesso. Eppure, se devo dire la verità nient’altro che la verità, ho ucciso diverse persone, alcune in modo brutale, altre con maggior delicatezza – vale la pena specificarlo, perché fa un’enorme differenza agli occhi giudicanti della gente. Quando ripenso a ciò che ho fatto, avverto persino una punta di tristezza, giusto una fitta trascurabile, al pensiero che nessuno verrà mai a conoscenza del mio strabiliante piano. Un piano che ho architettato per anni, sacrificando tutto in nome della vendetta. Ora vi chiederete: perché ostinarsi a vuotare il sacco se la si può passare liscia? Avete ragione, la libertà non ha prezzo. Però non riesco a smettere di immaginare l’istante in cui, dopo la mia morte, qualcuno aprirà una cassaforte e troverà la mia confessione. Esatto, proprio questa che sto scrivendo nei pochi giorni che mi separano dalla libertà. Scommetto che quel qualcuno non potrà fare a meno di restare a bocca aperta e pensare a me con ammirazione. Perché chi sarà mai in grado di capire come una persona, a soli ventotto anni, possa aver ucciso a sangue freddo sei membri della sua famiglia per poi andare avanti come se niente fosse, senza neppure l’ombra di un rimpianto? 

Tagliente, onesto, graffiante, divertentissimo. Come uccidere la tua famiglia è tutto quello che non ti aspetti: una potente commedia nera, una satira bruciante sulle famiglie disfunzionali e sui privilegi di classe, nonché una critica feroce all’ossessione dei media per l’universo del crimine e alle falle di un sistema che non ammette deviazioni dalla norma.

Grace Bernard si trova nel carcere femminile di Limehouse a Londra. Accusata di omicidio. 
Nonostante in passato sia riuscita a sfuggire alla giustizia, anche dopo aver causato la morte di sei persone – per ironia della sorte è stata ora accusata ingiustamente dell’unico omicidio che non ha commesso. 

E mentre aspetta con ansia la sua sentenza, inizia a scrivere un diario molto originale. Il racconto dettagliato di come ha pianificato e ucciso sei componenti della sua famiglia. 
Storia che ci viene raccontata con dark humour ed evidente orgoglio, dato che è stata mossa da un movente ammirevole : vendicare la morte di sua madre. 

Molti sono gli aspetti che colpiscono in questo romanzo. 
In primis la protagonista, Grace, una ragazza che si racconta con estrema schiettezza, senza vergogna nel mostrare pregi e difetti, con quel modo di rivolgersi al lettore diretto ed ironico nonostante gli argomenti trattati, che ci permette così facilmente di entrare nella sua vita ed affezionarci. 

Ho inoltre piacevolmente apprezzato il perfetto mix tra il resoconto noir crudo dei vari omicidi e il tono comico, amichevole e quasi frivolo nel raccontare le vicende. 
Dalla pianificazione meticolosa di ogni singolo omicidio, al momento del delitto, a come il tutto sia scrupolosamente organizzato in modo da sembrare un incidente. 
Il sentimento di vendetta alla base delle azioni di Grace ricorda molto Kill Bill di Tarantino – uno dei miei film preferiti – dove la protagonista cerca una metodica vendetta contro le persone che le hanno ucciso la figlia. 
Ed anche in questo romanzo non possiamo che essere dalla parte della protagonista, vendicatrice ed assassina, e sostenerla nella sua singolare ma giusta causa. 

Leggere il diario di Grace è come una chiacchierata tra amici, al telefono, o bevendo un caffe in un bar. 
Ti tiene incollato alle pagine, vuoi sapere come continua la storia, fai il tifo per lei e speri che riesca nel suo intento di liberarsi di tutte le persone che l’hanno ferita. 
E perché no – anche imparare qualcosa da questo particolare manuale, magari sul quanto possa essere facile commettere un omicidio!

Durata totale della lettura: Sette giorni
Bevanda consigliata: iced coffee
Formato consigliato: eBook
Età di lettura consigliata: dai 16 anni
Sito dell'autrice: Bella Mackie
« Come si dice? Mentre noi facciamo progetti, Dio ride.
Il mio progetto era uccidere sette persone, e sono finita in prigione per la morte di una che non ho nemmeno sfiorato. Immagino che Dio si sia slogato la mascella»

Si ringrazia la casa editrice per la copia omaggio



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...