giovedì 26 luglio 2018

Review Party: Darkest Minds

Buongiorno cari lettori, 
come state? Io sto avendo una settimana che... mamma mia! Ma quanto manca alle vacanze? Troppo, probabilmente. Per fortuna a distrarmi dalle noie quotidiane è arrivato questo nuovo romanzo distopico! Siete pronti a conoscerlo?






Darkest Mind
di Alexandra Bracken



Editore:  Sperling & Kupfer
Prezzo cartaceo: 17,90 € 
Prezzo ebook: 4,99€
Pagine: 372
Genere: distopico



Quando Ruby si sveglia il giorno del suo decimo compleanno, qualcosa in lei è cambiato. Qualcosa di abbastanza preoccupante da costringere i genitori a mandarla a Thurmond, un brutale campo di riabilitazione gestito dal governo dove sono rinchiusi i giovani come lei. Ovvero, i giovani che sono riusciti a sopravvivere alla misteriosa malattia che ha decimato la popolazione e che da allora sembrano aver acquisito poteri speciali. Ci sono i Verdi, dotati di un'intelligenza eccezionale; i Blu, di telecinesi; i Gialli, che controllano l'elettricità; i Rossi il fuoco e gli Arancioni, come Ruby, la mente umana. Ora Ruby ha sedici anni ed è riuscita a scappare da quell'inferno, ma per lei l'incubo non è ancora finito. Durante la sua fuga, però, incontra un gruppo di ragazzini evasi come lei: Zu, Ciccio e Liam, carisma da leader e decisamente carino. Ma Ruby non può rischiare di avvicinarsi a lui. Sarebbe troppo pericoloso. E, in viaggio verso l'unico rifugio sicuro, ci sono già fin troppi pericoli da affrontare...
Finalmente arriva in Italia Darkest Minds, la serie d'esordio di Alexandra Bracken che, con questa storia adrenalinica, ha conquistato il primo posto della classifica del New York Times e da allora ha firmato un successo dietro l'altro. Negli Stati Uniti e nel resto del mondo, dove i suoi romanzi sono pubblicati in 19 Paesi.




Immaginatevi un mondo in cui un misterioso virus colpisce solo i più giovani, uccidendo la maggior parte di loro. Un mondo come il nostro, dove però, ad un certo punto e senza nessuna spiegazione scientifica, i bambini iniziano a morire. Nessuno sa come fermare questa cosa, nessuno sa come fermare questa epidemia che si sta portando via il futuro dell'umanità. Uno scenario inquietante, vero?
Eppure non è vedere la maggior parte dei giovani morire a terrorizzare il mondo. Sono quelli che sopravvivono ad incarnare le vere paure del mondo. Perché hanno qualcosa che li rende particolari - speciali, in un certo senso - ma anche molto pericolosi.
Talmente pericolosi che non possono starsene nel mondo, talmente pericolosi che diventa necessario caricarli su di un pulmino e portarli da qualche parte in mezzo al nulla, in strutture che sanno di campi di prigionia, lontano da tutto e da tutti, lontano dal mondo. Da lì non si può scappare, non si può disubbidire, non si può fare nulla se non subire un qualcosa che nessuno di loro si è mai davvero andato a cercare.
Ad ognuno di coloro che entra nel campo viene assegnato un colore. Teneteveli bene a mente, perché piano piano scoprirete il reale significato che si nasconde dietro ad essi e inizierete a pensare voi in quale gruppo avreste voluto finire. Noi tutto questo lo conosceremo attraverso gli occhi di Ruby, la protagonista di questo romanzo. Ruby è stata assegnata ai verdi, anche se questa associazione non sarebbe davvero corretta. Ruby è stata mandata lì perché è una sopravvissuta, e per diverso tempo manterrà un basso, bassissimo profilo all'interno del campo. Finché un giorno qualcosa non cambia, e qualcuno non l'aiuterà a riguadagnare la libertà che ha perso....
Intrigante, vero? Io ci ho messo qualche capitolo ad entrare nel giusto mood, quindi se all'inizio avete la sensazione di arrancare un pochino, tranquilli, proseguite nella lettura e tutto si sistemerà. Vi ritroverete inghiottiti in questo romanzo e ne uscirete solo alla fine, all'ultima pagina - assolutamente e letteralmente mozzafiato.
Questo distopico riesce davvero ad andare a creare uno di quei futuri che fanno paura. Una paura di quelle che ti si attanaglia nelle ossa, perché ha quel qualcosa di magico nella narrazione che rende lo scenario descritto verosimile agli occhi del lettore. E a voi potrà sembrare sciocco a leggerlo nella mia recensione, ma quando prenderete in mano questo libro capirete a cosa mi sto riferendo.
E poi c'è Liam. Vogliamo parlare di Liam? Certo che no, perché io con le scarse informazioni che vi ho dato manco l'ho nominato questo Liam e quindi non avete idea di chi sia. Ecco, bene, meglio così. Vi lascio la sorpresa... però vi dico che quel ragazzo è l'esatto opposto della maggior parte dei ragazzi che popolano la letteratura YA. E proprio per questo io vi dico: WOW! Ma proprio wow!




Durata totale della lettura: Tre giorni
Bevanda consigliata:  Infuso freddo alla pesca
Formato consigliato: Ebook
Età di lettura consigliata: dai 16 anni
Sito dell'autore: Alexandra Bracken











"Sapevamo che non saremmo mai uscite."



Che ne dite, vi stuzzica?

Io intanto vi saluto e vi invito ad andare a leggere le altre recensioni di questo romanzo pubblicate sugli altri blog.




A presto!


                                            

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta e condividi con noi la tua opinione!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...