venerdì 5 ottobre 2018

5 cose che: 5 film di animazione giapponesi

Eccoci tornati ad una nuova puntata di questa bellissima rubrica ideata sempre dal blog Twins Book Lovers!

In questa rubrica i temi affrontati saranno molto vari, riguarderanno sempre il mondo dei libri, ma anche film, attori, serie tv…insomma…tutte cose che, da amanti dei libri, non potrete che approvare! Quindi, senza timore e senza indugio, vi presento il tema di oggi: 5 film di animazione giapponesi.




1. Il castello errante di Howl (Hayao Miyazaki)

Quando ho scoperto Miyazaki ho guardato tutti i suoi film uno dopo l'altro. Non sono film solo per bambini, anzi. Le storie sono molto profonde e trattano temi molto interessanti e mai superficiali: l'infanzia, il bene e il male, il ruolo delle donne nella società moderna, il pacifismo, l'amore... Illustrazioni perfette e realistiche.
Un mondo magico, tutto da scoprire.





2. Heidi (Isao Takahata)

Beh, credo che tutti, i grandi di oggi ma anche i piccoli di oggi, abbiano visto almeno una puntata di Heidi. Mi ha accompagnata nella mia infanzia e non mi sarei persa un episodio. La storia di questa bimba delle montagne con le guance rosse alle prese con il nonno, il "Vecchio dell'Alpe". Come dimenticarla!





3. Pucca (Takayuki Inagaki)

Ah qui tutta un'altra storia! Ho scoperto Pucca quando mio figlio era piccolo e si è innamorato di questa ragazzina di 10 anni, innamorata di Garu che non se la fila. Bellissimo lo stile con cui è disegnata, con pochi, semplici tratti, riesce ad esprimere mille emozioni, dalla rabbia all'amore. I personaggi non parlano e questo è uno degli aspetti intriganti: la storia non ha bisogno di dialoghi.





4. Your name (Makoti Shinkai)

Una storia intrigante, la storia di due ragazzi e dell'incredibile scambio di "persona", nel senso che un bel giorno Mitshuia, una giovane studentessa, si risveglia nel corpo di Taki, uno studente e viceversa. È stupefacente come cresca il legame tra i due, come comunicano. Animazione perfetta, indimenticabile.





5. Barefoot Gen (Keiji Nakazawa)

Hiroshima. È la storia di Gen, ambientata nel 1945 a Hiroshima e racconta in modo realistico e crudo gli eventi legati allo scoppio della bomba atomica. Un film di animazione forte che non nasconde niente degli orrori della guerra. Imperdibile.






9 commenti:

  1. Your name e Howl sono davvero bellissimi!!li altri non li ho visti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono d'accordo! Il mio preferito è Howl, credo di averlo visto e rivisto almeno 4 volte e ogni volta con lo stesso entusiasmo.

      Elimina
  2. Che bello, "Il Castello Errante di Howl"! Da tempo mi riprometto di leggere il libro, ma non sono ancora riuscita...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io mi sono innamorata del film, però hai ragione sarebbe bello leggere il libro!

      Elimina
  3. Heidi è l'unico che ho visto; ho anche il film in cassetta del cartone

    RispondiElimina
  4. Abbiamo in comune "Il castello errante di Howl".
    Ma sai che non sapevo che avessero fatto un film su Heidi, devo recuperarlo!
    Ti lascio il link alla mia puntata se ti va di passare: https://unabuonalettura.blogspot.com/2018/10/5-cose-che-20-5-film-di-animazione.html

    RispondiElimina
  5. Ciao Emma, in effetti Heidi non lo perdevo mai xD

    RispondiElimina
  6. Heida e Pukka li odio profondamente ahah

    Ti lascio il mio 5 cose che…

    RispondiElimina

Commenta e condividi con noi la tua opinione!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...